Archivio per aprile 2014

I farmaci biologici approdano in cardiologia

I farmaci biologici approdano in cardiologia

La cardiologia è arrivata in ritardo a questo appuntamento, rispetto ad altre specialità quali l’oncologia o la reumatologia. Ma ormai sembra questione di poco.

L’arrivo dei biologici in cardiologia comincerà dagli inibitori della PCSK9, farmaci scoperti studiando una malattia rara, l’ipercolesterolemia familiare, ma che presumibilmente troveranno applicazione anche nelle ipercolesterolemie ‘comuni’, soprattutto laddove sia necessario ridurre di molto l’LDL dai valori iniziali o nei soggetti assolutamente intolleranti alle statine.

Le statine rimangono per ora il golden standard del trattamento del colesterolo alto, come mezzo per abbattere la mortalità e la mortalità cardiovascolare, ma almeno il 15% della popolazione è intollerante a questi trattamenti.

Per questo la comunità scientifica internazionale e le aziende farmaceutiche sono alla ricerca di alternative, sicure ed efficaci.

Diversi gli studi presentati all’American College of Cardiologydi Washington su questa nuova categoria di farmaci.

QuotidianoSanità

Annunci

Vademecum per il ricovero del bambino in ospedale

vademecum per il ricovero del bambino in ospedale

Durante la manifestazione di Milano City Marathon 2014, venerdì 4 aprile, la Prof.ssa Susanna Esposito, Presidente di Amici del Bambino Malato Onlus, ha tenuto un incontro con i genitori per spiegare loro come essere ben preparati quando ci si trova a dover affrontare il ricovero in ospedale del proprio figlio.

In occasione di tale incontro, ABM Onlus ha lanciato il vademecum per il ricovero del bambino in ospedale.

Quando ci si trova davanti alla necessità di ricoverare il proprio bambino spesso i genitori vengono assaliti da ansie e paure che trasmettono, inevitabilmente, ai loro figli. E’ importante, quindi, che siano ben preparati su come affrontare al meglio la situazione” – ha sottolineato Susanna Esposito.

Qui di seguito, il vademecum di ABM Onlus:

  1. Parlate serenamente al bambino, spiegandogli con parole adeguate alla sua età e alle sue capacità cognitive i motivi per cui deve essere ricoverato, rassicurandolo ed infondendogli fiducia sui medici che si prenderanno cura di lui
  2. Ricordate che il bambino in ospedale ha il diritto di avere accanto a sé, in ogni momento, la mamma o il papà o un sostituto da loro delegato
  3. Informatevi preventivamente sull’organizzazione e sul regolamento del reparto dove sarà ricoverato il bambino: spesso gli ospedali mettono a disposizione dei genitori eventuali supporti per favorire la loro permanenza insieme al bambino
  4. Lasciategli in ospedale i suoi giocattoli o libri preferiti  
  5. Avete il diritto, come genitori, di essere informati e coinvolti nelle decisioni relative al trattamento medico
  6. Assicuratevi che il bambino non sia ricoverato in reparti per adulti
  7. Consentite, ove le condizioni cliniche lo permettano, che durante il ricovero il bambino abbia libero accesso ad aree di gioco, ricreazione e studio adatte alla sua età
  8. Quando vi confrontate con il medico o informate i parenti o altri visitatori, non parlate mai della malattia in presenza del bambino, soprattutto nei casi più gravi
  9. In occasione delle dimissioni dall’ospedale, informatevi su un eventuale dieta e su altre misure da adottare a casa
  10. Ricordate che il bambino, anche se piccolo, ha il diritto in ogni momento di essere trattato con tatto e comprensione nel rispetto della sua intimità

 

GAS Communication

Allarme Diabete: le Istituzioni Europee si mobilitano

allarme diabete

73 morti al giorno in Italia a causa delle complicanze del diabete, quasi 27.000 persone ogni anno scompaiono a causa di quella che è considerata la quarta causa di morte in Europa, secondo il rapporto Diabetes Atlas 2013 dell’International Diabetes Federation (IDF). Il dato è tanto più allarmante se si considera che gli italiani che soffrono di diabete sono circa 3,6 milioni, l’8% della popolazione adulta e che la malattia tende a espandersi di anno in anno, visto che sono circa 1,8 milioni, un ulteriore 4% della popolazione adulta, i concittadini a rischio di svilupparla, soffrono cioè di ridotta tolleranza al glucosio (IGT, impaired glucose tolerance), una sorta di stato di pre-diabete.

Se si valuta il problema da un punto di vista europeo, sono 32 milioni gli adulti con diabete, l’8,1% della popolazione europea, 33,5 milioni quelli con IGT, oltre 271.000 i morti a causa delle complicanze ogni anno: quasi 750 europei muoiono ogni giorno a causa del diabete.

Le complicanze del diabete sono varie: dalla malattia coronarica – ne soffre il 10% di coloro che hanno il diabete -, alla retinopatia – il 34% -, all’insufficienza renale – il 5-10% di coloro che hanno il diabete di tipo 2, ma il 30-40% delle persone con diabete di tipo 1 -, alla neuropatia – il 32%. Sono le complicanze che portano alla morte: oltre il 50% di coloro che hanno il diabete infatti muore a causa di problemi cardiovascolari e il 10-20% per insufficienza renale. Le complicanze sono anche le maggiori responsabili del forte impatto che la malattia ha sul sistema sanitario”, – ha ricordato Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia.

Sempre secondo i dati IDF, l’8,3% della spesa sanitaria in Italia viene destinata al diabete: il costo medio annuo per una persona con il diabete è di 2.540 euro, di cui oltre il 50% viene assorbito dai costi di degenza ospedaliera e solo il 6,3% dai farmaci antidiabete. Ma non esistono solo i costi per il trattamento e la cura della malattia, che in Italia ammontano a 7,9 miliardi, ma anche i costi indiretti legati a riduzione della produttività, giornate di lavoro perse, e via dicendo, che si stima siano circa 12,6 miliardi: un impatto notevole per la società.

In un contesto di forte attenzione alla malattia a livello europeo e nazionale, quindi, i massimi esperti scientifici e i rappresentanti delle Istituzioni nazionali e sovranazionali si sono riuniti a Bruxelles per discutere in merito alle strategie politiche ottimali per gestire il crescente peso del diabete, nell’ambito del 2° European Diabetes Leadership Forum 2014, incontro promosso in collaborazione con l’Associazione Danese per il Diabete e con il contributo non condizionato di Novo Nordisk, al quale hanno partecipato fra gli altri il Commissario Europeo alla Salute Tonio Borg e numerosi rappresentanti dei Ministeri della Salute degli stati membri, inclusa l’Italia.

Di quanto emerso da questo importante evento si è discusso oggi a Roma il 31 marzo 2014, alla sede in Italia del Parlamento Europeo, nell’ambito dell’incontro “Una Roadmap per il diabete in Europa e in Italia”, organizzato sotto l’egida di Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, Università di Roma Tor Vergata e Diabete Italia, alla presenza, tra gli altri, dell’On. Gianni Pittella, Vice Presidente Vicario del Parlamento Europeo.

Il diabete è una patologia che, più di altre malattie croniche correlate all’invecchiamento della popolazione, sta avendo un impatto significativo in termini di costi sociali ed economici in tutta Europa, tanto da indurre il Parlamento Europeo ad evidenziare agli Stati membri, attraverso atti formali, la necessità di attivare piani specifici su questa patologia, è quanto ha ricordato Paola Pisanti, Presidente della Commissione Nazionale sul Diabete del Ministero della Salute. Che ha poi spiegato come, in tal senso, la Commissione Europea abbia avviato, lo scorso mese di gennaio a Madrid, il programma “EU Joint Action on Chronic Disease – CHRODIS”, nel quale l’Italia ricopre il ruolo, attraverso il Ministero della Salute, di coordinatore del gruppo sul diabete. Il nostro Paese è, infatti, da sempre impegnato su questi temi e ha varato nel 2013 il Piano Nazionale sulla Malattia Diabetica, recepito dalla Conferenza Stato-Regioni, che funge da guida nella lotta alle malattie croniche in Italia.

L’incontro di Roma è stato anche l’occasione per presentare il programma del 7° Italian Barometer Diabetes Forum, che avrà luogo presso la sede di rappresentanza dell’Università di Roma Tor Vergata di Villa Mondragone a Monte Porzio Catone il prossimo 10 e 11 Luglio, durante il semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea.

In tutto il mondo troppe persone soffrono o muoiono a causa di malattie croniche come cardiopatie, ictus, cancro, malattie respiratorie croniche e diabete. E non si tratta più di un fenomeno che riguarda solo i paesi ricchi. Nello stesso tempo, crescono a livello mondiale sovrappeso, obesità infantile e incidenza del diabete di tipo 2. È una situazione preoccupante non solo per la salute pubblica, ma anche dal punto di vista economico. A Monte Porzio Catone si confronteranno i diversi protagonisti del sistema sanitario italiano, dal Ministero della Salute, all’Agenzia Italiana del Farmaco, alle Società scientifiche e si affronteranno temi complessi e saldamente interconnessi tra di loro, dalla prevenzione della diabesità, il binomio diabete-obesità che sempre di più preoccupa, ai modelli gestionali di cura e assistenza per il diabete, alla ricerca”, ha detto Simona Frontoni, Presidente Comitato Scientifico del Barometer Forum.

Per affrontare e vincere la sfida posta dal diabete alla società è necessario conoscerne a fondo tutti gli aspetti, valutarli misurandone ampiezza e portata, monitorarne il trend. L’Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation, è un think-tank permanente che si pone questi obiettivi. Il Forum che organizziamo annualmente è utile a identificare le strategie per affrontare la malattia, che siano frutto della collaborazione tra tutte le parti interessate, non solo agli aspetti clinici, ma soprattutto sociali, economici e politici” ha concluso Renato Lauro, Presidente IBDO Foundation.

 

HealthCom Consulting.Ufficio Stampa

Scompenso cardiaco: verso un trattamento innovativo

PARADIGM-HF

Chiusura anticipata per lo studio PARADIGM-HF, che ha valutato una nuova molecola (LCZ696) per lo scompenso cardiaco cronico.

Il Data Monitoring Committee, in un’analisi ad interim (la terza dopo le prime due effettuate per valutare il profilo di sicurezza del farmaco), ha rilevato infatti il raggiungimento precoce dell’endpoint primario (maggiore sopravvivenza e riduzione dei ricoveri ospedalieri per scompenso) nei soggetti trattati con LCZ696, rispetto al gruppo di controllo (terapia convenzionale con ACE-inibitori).

PARADIGM-HF è un trial clinico randomizzato in doppio cieco di fase 3, realizzato in diversi centri internazionali su 8.436 pazienti con scompenso cardiaco cronico a frazione d’eiezione ridotta (HF-REF).

L’endpoint primario era il tempo prima del decesso per cause cardiovascolari o il ricovero per scompenso cardiaco. Avviato nel 2009, è il più ampio studio mai condotto sullo scompenso cardiaco, una patologia dagli ancora molti unmet needs.

LCZ696 è un farmaco che si assume in compresse in doppia somministrazione giornaliera ed è il primo della nuova classe degli inibitori del Recettore dell’Angiotensina e della Neprilisina (ARNI).

La molecola è sviluppata da Novartis che è impegnata nel campo dello scompenso cardiaco.

QuotidianoSanità

“Miglior Visione” Zeiss: per prendersi cura della vista anche attraverso il web e i social network

migliore visione

Utenti del web, appassionati di social network e frequenti utilizzatori di smartphone e tablet possono ora usufruire di nuovi strumenti per prendersi cura del proprio benessere visivo: dopo il sito MigliorVisione e l’app Stress Visivo ZEISS, azienda leader nel settore dell’ottica e optoelettronica e da sempre attenta ai cambiamenti nello stile di vita dei portatori di occhiali, si porta al passo con i tempi lanciando la pagina Facebook “Miglior Visione”, un’estensione dell’omonimo portale web dove è possibile rispondere ai propri dubbi o soddisfare tutte le curiosità in merito al benessere visivo.

La pagina Facebook “Miglior Visione”, partendo dai numerosi e variegati contenuti presenti sul sito ZEISS, rappresenta uno spazio dedicato ai consigli su come aver cura dei propri occhi e proteggerli a lungo. Permette di scoprire le possibili soluzioni visive che ZEISS offre e conoscere qualche curiosità in più sulla storia di un’Azienda presente in oltre 40 Paesi al mondo e da sempre impegnata nella ricerca scientifica per offrire prodotti e servizi all’avanguardia nel settore ottico e optoelettronico.

“Miglior Visione”, che in poco più di 4 mesi ha superato il traguardo di 1.500 like, è un luogo d’incontro informale ed autentico che ZEISS ha voluto creare per avere una connessione diretta con tutti gli utenti interessati ad approfondire le tematiche legate al benessere visivo.

La bacheca, caratterizzata da una grafica chiara e vivace, è animata con vari contenuti che vanno dai  consigli per salvaguadare la salute visiva e per non trascurare il benessere dei propri occhi, come avviene nei post che riportano il Decalogo della miglior visione, ad  argomenti più  leggeri che svelano interessanti curiosità, come i post Lo sapevi che?

Non mancano soluzioni innovative per migliorare la qualità della visione grazie ai prodotti ZEISS, veri concentrati di tecnologia che permettono all’utilizzatore la migliore esperienza visiva possibile.

Ciò che rende i contenuti di questa pagina davvero unica è la consapevolezza che da sempre ogni occhio è unico e speciale, come un’impronta digitale. Nessun altro organo sensoriale come l’occhio ci consente di percepire e vivere l’ambiente che ci circonda con la stessa intensità. I nostri occhi sono come una finestra che si apre su un mondo di colori accesi. Ci consentono di ammirare il sorriso di un bambino, il fascino dell’arte e l’indescrivibile bellezza del nostro pianeta. Questo è ben noto a ZEISS che attraverso la pagina Facebook “Miglior Visione” ci spinge giorno per giorno a rendere ogni esperienza visiva unica e a dare colore e nitidezza alla vita di ognuno.

 

Ufficio stampa Ketchum

La corretta alimentazione per i bambini sani e con malattie rare

amici del bambino malato

Bambino sano


Una corretta educazione alimentare è fondamentale fin da piccoli. Per far questo è necessario che tutta la famiglia assuma corrette abitudini alimentari: i genitori sono un modello da seguire per il bambino.

 

  1. Rispettate sempre l’orario dei pasti
  2. Abituate il bambino a mangiare a tavola: quando si alza il pasto finisce
  3. Educate il bambino a mangiare lentamente, poiché la prima digestione avviene in bocca
  4. Non associate al pasto altre attività come lettura, televisione o computer né utilizzate il cibo come festeggiamento, premio o punizione
  5. Coinvolgete il bambino mentre si cucina
  6. Non costringete il bambino ad assaggiare un alimento per forza, riproponetelo a distanza di tempo
  7. Eliminate i cibi “spazzatura” (soprattutto merendine, bibite zuccherate e dolci)
  8. Prevedete cinque porzioni di frutta e verdura al giorno: se il bambino non vuole mangiare la verdura, mescolatela alla carne, al pesce o alle uova
  9. Abituate il bambino a bere frequentemente per evitare il rischio disidratazione
  10. Per una dieta equilibrata, ricordate che un bambino sano dovrebbe assumere:
  • Carne: 2 volte alla settimana, di cui 1 volta bianca (es. coniglio, pollo, tacchino) ed 1 volta rossa (es. manzo, cavallo,vitello)
  • Pesce: 2–3volte alla settimana
  • Uova: 1 volta alla settimana
  • Legumi: Almeno 3 volte alla settimana
  • Cereali: Pasta, polenta, riso, farro, orzo, fiocchi d’avena ecc., raffinati o integrali
  • Verdura e Frutta: 5 porzioni al giorno tutti i giorni
  • Formaggi: 1 volta alla settimana, come secondo piatto
  • Salumi: 1 volta alla settimana

 

Bambino con patologie rare


Un mirato e corretto intervento nutrizionale rappresenta sempre un efficace sostegno alla terapia comunemente utilizzata nell’approccio clinico a numerose patologie rare.

1. Programmate insieme ai Pediatri del Centro di riferimento una dieta bilanciata ed adeguata per il bambino per garantirgli la massima varietà

2. Se necessario, pesate gli alimenti con precisione e utilizzate prodotti dietetici specifici

3. Ricordate che l’integrazione calorica è fondamentale nel caso in cui il bambino non sia in grado di assumere spontaneamente la quantità di calorie necessaria per raggiungere un adeguato accrescimento

4. Seguite con attenzione le indicazioni dietetiche per rispettare l’apporto calorico necessario al bambino, soprattutto quando è affetto da malattie associate a soprappeso ed obesità

5. Ricordate che, nel caso di alcune malattie rare associate ad insufficienza renale cronica, la dieta aiuta a migliorare l’equilibrio metabolico fornendo quantità controllate di proteine, sodio, potassio e fosforo.

 

GAS Communication

La salute è una questione di “stile” … di vita

Visitiamo la tua città

Le malattie cardiovascolari, il diabete, il cancro e le malattie respiratorie croniche, costituiscono la principale causa di morte nel mondo. Solo una cultura basata sulla prevenzione può ridurne i fattori di rischio.

Con “Visitiamo la tua città”, i medici SIMG e i diabetologi AMD scendono in piazza per sensibilizzare i cittadini.

Forte del successo dell’edizione 2013, il tour “Visitiamo la tua città”, è stato presentato a Milano il 17 Marzo 2014, per sensibilizzare gli italiani sui corretti stili di vita e sull’importanza della prevenzione nelle malattie non trasmissibili, rappresentate principalmente da quelle cardiovascolari, dal diabete, dal cancro e dalle malattie respiratorie croniche, che costituiscono la principale causa di morte nel mondo.

Il progetto educativo – promosso dalla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e realizzato con il contributo incondizionato di DOC Generici, azienda tra i leader di mercato nella produzione di farmaci equivalenti – tocca nel 2014 il centro e il sud Italia, partendo il 5 aprile da Cagliari. 30 è il numero delle città che saranno coinvolte nel tour, 10 in più rispetto allo scorso anno.

Le malattie non trasmissibili: epidemiologia, impatto sociale e prevenzione

Secondo i dati Istat 2012, gli italiani con diabete sono oltre 3,3 milioni, con una percentuale del 5,5% sulla popolazione nazionale e un aumento di oltre il 60% negli ultimi 20 anni. A questo numero vanno aggiunti i casi di pre-diabete (pari al 4% della popolazione adulta) e una percentuale di casi di diabete misconosciuti, stimabile tra il 20% e il 50% di quello già noto.
Non bisogna, inoltre, dimenticare l’alta prevalenza dei soggetti sovrappeso e degli obesi nella popolazione italiana sopra i 18 anni, pari rispettivamente a 35,5% e al 9,9%; oltre al 20,2% di persone obese o sovrappeso nella fascia d’età che va dai 6 ai 17 anni. Tutto ciò non rappresenta solo un problema per la salute individuale, ma anche per quella di coppia. Infatti l’obesità e lo stato di pre-diabete, possono diminuire la fertilità maschile, rendendo il concepimento più lungo e difficile.

La salute del cittadino ha inevitabilmente un impatto sociale e il diabete rappresenta un punto cruciale. Secondo il rapporto dell’International Diabetes Federation, Diabetes Atlas 2013, il diabete assorbe ogni anno risorse per 548 miliardi di dollari, l’11% dell’intera spesa sanitaria mondiale, e l’Italia non si discosta dalla media con oltre 10 miliardi di euro, sui circa 100 miliardi di spesa sanitaria nazionale.

L’insostenibilità dei costi del diabete è legata particolarmente alla tardività degli interventi e alla mancanza di una cultura effettiva basata sulla prevenzione. Basti pensare che la riduzione di 1 punto di HbA1c (emoglobina glicata) porta la riduzione del 14% del rischio di infarto, del 37% di rischio di complicanze microvascolari e del 27% di morti legate al diabete. Pertanto la riduzione dei costi sociali e sanitari del diabete si può attuare con una politica di prevenzione sia nella fase diagnostica sia, successivamente, con un attento monitoraggio e controllo dei fattori di rischio, per evitare complicanze. Questa campagna, realizzata per il secondo anno grazie al contributo di DOC Generici, rappresenta una nuova opportunità per mettere in pratica questa politica preventiva, in cui il ruolo del Medico di Famiglia è sempre più cruciale” ha spiegato in conferenza stampa Claudio Cricelli, Presidente SIMG.

Anche in ambito terapeutico è possibile attuare un contenimento dei costi a carico dei privati, attraverso l’impiego di farmaci equivalenti. Ciò rappresenta un comportamento responsabile da parte di medici e pazienti in considerazione del fatto che sono efficaci e sicuri come i corrispettivi farmaci di marca, ma garantiscono un miglior utilizzo delle risorse a disposizione” – ha concluso Cricelli.

Grazie ai contatti frequenti e capillari con la popolazione i Medici di Famiglia hanno un ruolo strategico nella prevenzione delle malattie non trasmissibili, di cui il diabete fa parte, ma il loro contributo è altrettanto importante affinché i molti casi di diabete misconosciuto vengano diagnosticati ed indirizzati al Diabetologo, per ricevere cure adeguate e prevenire le complicanze. E’ proprio da questa stretta sinergia tra Medico di Famiglia e Diabetologo che è nata la nuova edizione del tour Visitiamo la tua città” – ha spiegato Antonio Ceriello, Presidente AMD.

Un’alta percentuale di malattie non trasmissibili, tra cui il diabete e le malattie cardiovascolari, possono essere prevenute in maniera molto più semplice di quanto si possa pensare ed è nostro dovere di medici sensibilizzare i cittadini a riguardo. Una corretta alimentazione, ricca di fibre, l’abolizione del fumo e del consumo di alcol, una moderata attività fisica sono ancora le regole d’oro per la salute ed il benessere delle persone, sempre più longeve e dunque sempre più predisposte a patologie metaboliche o cardiovascolari” – ha affermato Gerardo Medea, Responsabile Nazionale Area Metabolica SIMG.

Per incentivare un’assunzione di responsabilità da parte di tutti, affinché uno stile di vita sano diventi un approccio spontaneo, adottato fin da giovani nella pratica quotidiana, le comunità scientifiche lavorano sempre più in sinergia con le aziende.

La seconda edizione del tour “Visitiamo la tua città” nasce prima di tutto a seguito del grande successo riscontrato lo scorso anno, non solo da un punto di vista mediatico ma soprattutto da un punto di vista di partecipazione della popolazione sul territorio e di coinvolgimento degli operatori sanitari. A seguito delle numerose richieste ricevute da parte delle città del sud e del centro Italia abbiamo deciso di replicare l’iniziativa” – ha dichiarato Gualtiero Pasquarelli, Amministratore Delegato di DOC Generici.

Il tema della prevenzione e quello dei farmaci equivalenti hanno in comune l’obiettivo di contenere la spesa farmaceutica, che ha raggiunto valori al limite della sostenibilità, attraverso l’adozione di corretti stili di vita e la produzione di farmaci equivalenti che consentono ai cittadini di accedere alle terapie ad un prezzo più basso. Per questo motivo credo sia doveroso che le aziende come DOC Generici supportino la comunità scientifica fornendo le risorse mancanti affinché iniziative come “Visitiamo la tua città” possano sensibilizzare e informare l’intera popolazione italiana sui corretti stili di vita”. – ha concluso Pasquarelli.

“Visitiamo la tua città”: il village della salute arriva in piazza

Visitiamo la tua città” toccherà le piazze di 30 città italiane e le trasformerà in veri e propri village della salute. I medici di famiglia SIMG, per una giornata, saranno a disposizione dei cittadini, forniranno loro consigli e informazioni su come adottare uno stile di vita sano, all’insegna della prevenzione. I diabetologi AMD, che affiancheranno i medici di base, entreranno in gioco per una visita in caso di rischio diabetico.

Il village è costituito da 3 aree:

  1. area informativa multimediale, dove i cittadini possono recarsi per chiedere informazioni e consigli ai medici SIMG. Quest’area è dotata di video esplicativi, opuscoli, sui temi della salute e di postazioni touchscreen che permettono un’interazione con i visitatori. Prima dell’incontro con il medico, ogni visitatore è invitato a rispondere ad un veloce questionario valutativo delle proprie abitudini quotidiane ed alimentari, per stabilire l’adeguatezza dello stile di vita e il fattore di rischio di contrarre malattie non trasmissibili.
  2. Truck, dove infermiere professioniste, misurano i parametri base (altezza, peso, circonferenza vita) e la pressione; effettuano la misurazione dei rischi cardiovascolari ed indirizzano il cittadino dal medico di medicina generale o dal diabetologo di AMD.
  3. L’area bambini, area ludica dove i piccoli possono divertirsi con un animatore mentre i genitori o i nonni sono impegnati con i medici.

Le infermiere professioniste e il sistema non invasivo Age Reader, per la misurazione del rischio cardiovascolare, sono messi a disposizione da PIC Solution.

Visitiamo la tua città” vede anche impegnati i giovani medici SIMG che si metteranno a disposizione dei cittadini per spiegare loro quanto possa essere semplice adottare uno stile di vita corretto prestando attenzione anche solo a piccoli accorgimenti che spesso sfuggono nella frenesia della vita di tutti i giorni.

Nelle città in cui il circuito di palestre MPS è presente, un istruttore è a disposizione dei cittadini per dispensare consigli su come mantenersi in forma e offrirà prove gratuite in palestra. Perché chi ben inizia, è già a metà dell’opera.

Il tour è “cardioprotetto”, grazie alla collaborazione con Movimento per la Salute, che metterà a disposizione un defibrillatore.

Visitiamo la tua città - Tappe

Fonte Ufficio Stampa Ketchum


leggi il Blog nella tua lingua

Follow HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone on WordPress.com
Visita il mio Sito Inviaci un articolo! Contattami via e-mail! buzzoole code
Twitter HarDoctor News su YouTube HarDoctor News su Tumblr Skype Pinterest

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.026 follower

L’almanacco di oggi …

Almanacco di Oggi!
Farmacie di Turno
Il Meteo I Programmi in TV

Scarica le guide in pdf!

Scarica la Guida in Pdf Scarica il Booklet in Pdf

HarDoctor News | Links Utili

Scegli Tu Guarda il Video su YouTube Pillola del giorno dopo Think Safe Medicina Estetica Obesità.it

HarDoctor News | Utilità

Calcola il BMI
Test di Laboratorio
Percentili di Crescita
Calcola da te la data del parto!

Leggi Blog Amico !!!

Leggi Blog Amico

HarDoctor News | Statistiche

  • 938.307 traffic rank

HarDoctor News | Advertising

Siti sito web
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: