Farmaci e integratori: diversi per legge


Farmaci e Integratori

Farmaco o integratore? Il dubbio può legittimamente nascere dal fatto che il consumatore si trova talvolta di fronte a prodotti contenenti gli stessi principi attivi, ma venduti in alcuni casi come farmaci e in altri come integratori alimentari.

Dove sta allora la differenza?

Intanto, per definizione un farmaco deve determinare effetti terapeutici, mentre a norma di legge è vietato attribuire proprietà curative a un integratore alimentare. In sostanza, la basilare differenza tra farmaco e integratore consiste perciò nella dimostrazione di un’efficacia, legata principalmente al processo di sviluppo seguito per le due tipologie di prodotti.

Come spiega il Prof. Alessandro Mugelli – Ordinario di Farmacologia e Direttore del Dipartimento NEUROFARBA Neuroscienze, area del Farmaco e Salute del Bambino presso l’Università di Firenze – Il percorso che porta alla commercializzazione degli integratori alimentari è molto diverso rispetto a quello del farmaco. Molto semplicemente, i primi non possono vantare le stesse garanzie che troviamo nella catena che porta una sostanza attiva a diventare farmaco.

Farmaci: la sicurezza dell’efficacia

Per approvare l’immissione in commercio di un farmaco, infatti, è necessaria una dimostrazione dell’efficacia attraverso studi clinici, oltre alla valutazione di qualità e sicurezza da parte di appositi enti regolatori. Per gli integratori, invece, è richiesta soltanto la dimostrazione della qualità produttiva, ma non dell’efficacia, e per la loro commercializzazione è sufficiente una notifica al Ministero della Salute. Infine, per i farmaci ma non per gli integratori, sussiste l’obbligo di dimostrare che la composizione sia standardizzata e ripetibile. Sotto questo aspetto, il Prof. Roberto Volpe, Lipidologo e Ricercatore del CNR di Roma, ribadisce che le buone pratiche di produzione adottate per le specialità farmaceutiche rispetto agli integratori permettono di contare su prodotti efficaci e sicuri; quando si parla di farmaci va considerato anche che la concentrazione e la purezza della sostanza, parametri fondamentali nei trattamenti a lungo termine, sono sottoposte a controlli specifici che invece non riguardano gli integratori. Basti pensare all’esempio degli acidi grassi Omega-3: diversi studi hanno dimostrato che queste sostanze costituiscono una efficace terapia preventiva del rischio cardiovascolare e della mortalità nel postinfarto, oltre ad essere in grado di ridurre i livelli di trigliceridi nel sangue, ma solo quando assunti a una concentrazione di almeno l’85%.

FONTE | http://www.postinfarto.it
Annunci

Follow HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone on WordPress.com
Visita il mio Sito Inviaci un articolo! Contattami via e-mail! buzzoole code
Twitter HarDoctor News su YouTube HarDoctor News su Tumblr Skype Pinterest

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.662 follower

Feed! Convalida il mio RSS feed

L’almanacco di oggi …

Almanacco di Oggi!
Farmacie di Turno
Il Meteo I Programmi in TV

Scarica le guide in pdf!

Scarica la Guida in Pdf Scarica il Booklet in Pdf

HarDoctor News | Links Utili

Scegli Tu Guarda il Video su YouTube Pillola del giorno dopo Think Safe Medicina Estetica Obesità.it

HarDoctor News | Utilità

Calcola il BMI
Test di Laboratorio
Percentili di Crescita
Calcola da te la data del parto!

Leggi Blog Amico !!!

Leggi Blog Amico

HarDoctor News | Statistiche

  • 653,539 traffic rank

HarDoctor News | Advertising

Siti sito web

Le mie foto su Istagram

... ai miei Amori ... ... arte di Sicilia ... Sciacca ... guarda il Paradiso da qui !!! ... un arcobaleno ci salverà ... ... vola sempre Alto ...che a cadere ci pensiamo dopo ... ... aspettando il Natale ... ... dimmi Luna chi sarà il nuovo Presidente dell'ARS? Auguri alla Dottoressa Cottone Sofia ... ci vuole poco per essere sereni !!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: