Farmaci e integratori: diversi per legge


Farmaci e Integratori

Farmaco o integratore? Il dubbio può legittimamente nascere dal fatto che il consumatore si trova talvolta di fronte a prodotti contenenti gli stessi principi attivi, ma venduti in alcuni casi come farmaci e in altri come integratori alimentari.

Dove sta allora la differenza?

Intanto, per definizione un farmaco deve determinare effetti terapeutici, mentre a norma di legge è vietato attribuire proprietà curative a un integratore alimentare. In sostanza, la basilare differenza tra farmaco e integratore consiste perciò nella dimostrazione di un’efficacia, legata principalmente al processo di sviluppo seguito per le due tipologie di prodotti.

Come spiega il Prof. Alessandro Mugelli – Ordinario di Farmacologia e Direttore del Dipartimento NEUROFARBA Neuroscienze, area del Farmaco e Salute del Bambino presso l’Università di Firenze – Il percorso che porta alla commercializzazione degli integratori alimentari è molto diverso rispetto a quello del farmaco. Molto semplicemente, i primi non possono vantare le stesse garanzie che troviamo nella catena che porta una sostanza attiva a diventare farmaco.

Farmaci: la sicurezza dell’efficacia

Per approvare l’immissione in commercio di un farmaco, infatti, è necessaria una dimostrazione dell’efficacia attraverso studi clinici, oltre alla valutazione di qualità e sicurezza da parte di appositi enti regolatori. Per gli integratori, invece, è richiesta soltanto la dimostrazione della qualità produttiva, ma non dell’efficacia, e per la loro commercializzazione è sufficiente una notifica al Ministero della Salute. Infine, per i farmaci ma non per gli integratori, sussiste l’obbligo di dimostrare che la composizione sia standardizzata e ripetibile. Sotto questo aspetto, il Prof. Roberto Volpe, Lipidologo e Ricercatore del CNR di Roma, ribadisce che le buone pratiche di produzione adottate per le specialità farmaceutiche rispetto agli integratori permettono di contare su prodotti efficaci e sicuri; quando si parla di farmaci va considerato anche che la concentrazione e la purezza della sostanza, parametri fondamentali nei trattamenti a lungo termine, sono sottoposte a controlli specifici che invece non riguardano gli integratori. Basti pensare all’esempio degli acidi grassi Omega-3: diversi studi hanno dimostrato che queste sostanze costituiscono una efficace terapia preventiva del rischio cardiovascolare e della mortalità nel postinfarto, oltre ad essere in grado di ridurre i livelli di trigliceridi nel sangue, ma solo quando assunti a una concentrazione di almeno l’85%.

FONTE | http://www.postinfarto.it
Annunci

Follow HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone on WordPress.com
Visita il mio Sito Inviaci un articolo! Contattami via e-mail! buzzoole code
Twitter HarDoctor News su YouTube HarDoctor News su Tumblr Skype Pinterest

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.619 follower

Feed! Convalida il mio RSS feed

L’almanacco di oggi …

Almanacco di Oggi!
Farmacie di Turno
Il Meteo I Programmi in TV

Scarica le guide in pdf!

Scarica la Guida in Pdf Scarica il Booklet in Pdf

HarDoctor News | Links Utili

Scegli Tu Guarda il Video su YouTube Pillola del giorno dopo Think Safe Medicina Estetica Obesità.it

HarDoctor News | Utilità

Calcola il BMI
Test di Laboratorio
Percentili di Crescita
Calcola da te la data del parto!

Leggi Blog Amico !!!

Leggi Blog Amico

HarDoctor News | Statistiche

  • 619,382 traffic rank

HarDoctor News | Advertising

Siti sito web

Le mie foto su Istagram

... ai miei amici ... Grazie per gli Auguri !!! Leggi il mio blog !!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: