Per combattere “nero” e liste d’attesa occorre puntare anche sulla Sanità integrativa


1a giornata nazionale contro la corruzione in sanità

Il rapporto “Curiamo la corruzione 2016”, promosso da Transparency International Italia in partnership con Censis, Ispe-Sanità e Rissc non lascia spazio a grosse interpretazioni, ma apre, invece, alle riflessioni.

Tra i dati che trovo più significativi – ha spiegato Marco Vecchietti, Consigliere Delegato RBM Salute i 10 milioni di italiani che si sono sottoposti a visite specialistiche “in nero”.

Non bisognerebbe garantire a tutti i cittadini gli stessi diritti e la stessa possibilità di accesso alla sanità integrativa?

Per farlo basterebbe incentivare le polizze sanitarie individuali che dalla maggior parte degli italiani sono viste come un “miraggio”, un prodotto di lusso, fuori dalla loro portata.

Scardinare queste convinzioni che sono radicate in secoli e secoli della nostra cultura non è semplice, ma invito tutti ad uno sforzo maggiore.

A noi operatori del settore spetta senz’altro il compito di comprendere sempre di più le esigenze dei nostri assicurati e fornire un servizio quanto più adeguato possibile. Al Governo e ai Ministri competenti, invece, chiedo di intervenire con provvedimenti ad hoc, che diano semplicemente agli italiani l’opportunità di orientarsi al meglio nel sistema sanitario e prenderne, poi, tutte le decisioni che ritengano opportune”.

I problemi del Sistema Sanitario Nazionale non li scopriamo oggi, purtroppo. E la corruzione si conferma un problema che lo rende instabile, caratterizzato dall’ingerenza del pubblico nel privato. E’ il momento di dare delle risposte concrete.

Il sistema delle pratiche illecite che oggi inquina il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe essere contrastato in modo concreto valutando come la vasta gamma di prodotti assicurativi, oggi presenti sul mercato. Ci sono polizze assicurative , come ad esempio il prodotto “9 settimane” che eliminerebbe problema all’origine garantendo a tutti l’accesso alle cure senza dover scendere a compromessi.

Ma non sarebbe questo l’unico vantaggio.

Con l’utilizzo della sanità integrativa, infatti, ci sarebbe anche una redistribuzione del flusso di pazienti che efficienterebbe anche le liste di attesa. Come “effetto collaterale positivo” si otterrebbe anche l’eliminazione del “nero”, perché grazie alla necessità di produrre la fattura per richiedere il risarcimento della spesa, il problema sparirebbe” – conclude Vecchietti.

 AXESS


Follow HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone on WordPress.com
Visita il mio Sito Inviaci un articolo! Contattami via e-mail! buzzoole code
Twitter HarDoctor News su YouTube HarDoctor News su Tumblr Skype Pinterest

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.552 follower

Feed! Convalida il mio RSS feed

L’almanacco di oggi …

Almanacco di Oggi!
Farmacie di Turno
Il Meteo I Programmi in TV

Scarica le guide in pdf!

Scarica la Guida in Pdf Scarica il Booklet in Pdf

HarDoctor News | Links Utili

Scegli Tu Guarda il Video su YouTube Pillola del giorno dopo Think Safe Medicina Estetica Obesità.it

HarDoctor News | Utilità

Calcola il BMI
Test di Laboratorio
Percentili di Crescita
Calcola da te la data del parto!

Leggi Blog Amico !!!

Leggi Blog Amico

HarDoctor News | Statistiche

  • 550,808 traffic rank

HarDoctor News | Advertising

Siti sito web

Le mie foto su Istagram

... guarda lontano !!! ... mi dispiace per gli altri !!! ... Buona notte !!! ... una lucciola ... Zaira ...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: