RUOLO DELLE DIETE CHETOGENICHE QUALE STRUMENTO TERAPEUTICO CONTRO LE MALATTIE METABOLICHE


Le diete chetogeniche, caratterizzate da un basso contenuto di carboidrati, tornano periodicamente alla ribalta in quanto soddisfano la necessità di perdere peso in breve tempo. Nonostante vengano sconsigliate soprattutto per il rischio di effetti collaterali associati all’induzione di chetosi, condizione in cui la produzione di energia avviene a partire dai grassi anziché dagli zuccheri, esistono diversi studi per contro che suggeriscono come la rapida perdita di peso indotta da queste diete possa essere un valido strumento terapeutico per le persone affette da malattie metaboliche associate ad insulino-resistenza quali obesità, diabete mellito di tipo 2, steatosi epatica non alcolica e sindrome dell’ovaio policistico1, 2.

L’argomento delle diete chetogeniche è uno dei temi di AME DAY, giornata di aggiornamento dell’Associazione Medici Endocrinologi, che quest’anno si è svolta il 26 e 27 maggio a Genova, Francavilla al Mare e Cosenza.

Le diete chetogeniche, sono diete ipocaloriche con un apporto energetico generalmente inferiore a 800 kilocalorie al giorno e caratterizzate da un apporto di carboidrati giornalieri in genere inferiore a 50 grammi3. La carenza di glucosio, che deriva dall’adozione di queste diete, induce uno stato di chetosi, ossia la produzione di corpi chetonici a partire dai grassi presenti nei tessuti che vengono utilizzati per produrre energia. I corpi chetonici così prodotti agiscono sul sistema nervoso centrale portando ad un aumento sia del senso di sazietà, grazie alla riduzione dei livelli di grelina, un ormone che stimola l’appetito, sia del miglioramento dell’umore4. Entrambe queste condizioni associate alla rapida perdita di peso favoriscono l’aderenza dei pazienti alla dieta. Infatti, se la dieta mediterranea rimane la dieta di elezione grazie al suo ruolo protettivo contro la sindrome metabolica, il suo elevato contenuto di carboidrati può non consentire in alcune persone di ottenere un rapido e adeguato dimagrimento necessario per ridurre i rischi per la salute associata a diverse malattie metaboliche oltre che per motivare il paziente” – ha spiegato Nadia Cerutti, responsabile della S.S. Dietologia e Nutrizione Clinica ASST Fatebenefratelli-Sacco di Milano.

Le diete chetogeniche, possono essere considerate a tutti gli effetti delle “terapie metaboliche”. Come tali devono essere gestite da personale esperto in grado di selezionare in modo corretto i pazienti e le patologie che possono giovarsi di tali terapie quali  ipertensione arteriosa, diabete mellito di tipo 2 all’esordio, dislipidemie, sindrome metabolica, osteopatie o artropatie severe, obesità complicata con e senza indicazione alla chirurgia bariatrica. E’ indispensabile garantire uno stretto monitoraggio clinico al fine di ridurre i potenziali effetti collaterali. Il rapido calo di peso dovuto a queste diete nelle persone obese o sovrappeso con insulino resistenza si associa a una riduzione dei livelli di acidi grassi nel sangue, di insulina e della glicemia a digiuno. Nelle persone con diabete di tipo 2 all’esordio, alcuni studi hanno dimostrato un miglioramento della funzione delle beta cellule secernenti insulina e una riduzione dell’insulino resistenza con miglioramento del compenso glicemico5,6 – ha illustrato Olga Disoteo, diabetologa del S.S.D. Diabetologia A.S.S.T. “Grande Ospedale Metropolitano Niguarda” di Milano.

Va ricordato, che le diete chetogeniche si caratterizzano anche per un elevato apporto lipidico, superiore al 60 percento dell’apporto calorico giornaliero, determinando un aumento del colesterolo LDL, ossia il colesterolo “cattivo”, causa dello sviluppo di aterosclerosi. Se per brevi periodi, inferiori alle 4 settimane, le diete chetogeniche possono essere molto utili nella cura delle persone con obesità e diabete mellito di tipo 2, la mancanza di studi a lungo termine e su un numero sufficiente di pazienti non consente di escludere che tali diete possano addirittura favorire nel lungo periodo proprio le complicanze associate al diabete, quali infarto del miocardio, ictus, arteriopatia agli arti inferiori, che invece dovrebbero essere contrastate da una dieta adeguata. Da questo punto di vista, la dieta mediterranea si è invece ampiamente dimostrata efficace nel miglioramento dei parametri metabolici e nella riduzione del rischio cardiovascolare” – ha affermato Davide Brancato, endocrinologo presso il Centro di Riferimento Regionale per la Diabetologia della Sicilia, Ospedale Civico di Partinico.

 

1 Bueno Nb, de Melo IS, de Oliveira SL, da Rocha Ataide T. Very-low-carbohydrate ketogenic diet v. low-fat for long term weight loss: a meta-analysis of randomized controlled trials. Br J Nutr. 2013; 110: 1178-1187.
2 NICE Guideiines 2006: Obesity, guidance of prevention, identification, assessment and management of overweight in adults and children.
3Fondazione ADI: Position Paper: la dieta chetogenica 2014; 6: 38-43.
4Sumithran P, Prendergast LA, Delbridge E, Purcell K, Shulkes A, Kriketos A et al. Ketosis and appetite-mediating nutrients and hormones after weight loss. Eur J Clin Nutr 2013; e-pub ahead of print 1 May 2013; doi:10.1038/ejcn.2013.90.
5Feinman RD Dietary carbohydrate restriction as the first approach in diabetes management : critical review and evidence base. Nutrition 2015. 31: 1-13
6Boden G, Sargrad K, Homko C, Mozzoli M, Stein TP. Effect of a low-carbohydrate diet on appetite, blood glucose levels, and insulin resistance in obese patients with type 2 diabetes. Ann Intern Med 2005; 142: 403–411.



Annunci

Follow HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone on WordPress.com
Visita il mio Sito Inviaci un articolo! Contattami via e-mail! buzzoole code
Twitter HarDoctor News su YouTube HarDoctor News su Tumblr Skype Pinterest

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.654 follower

Feed! Convalida il mio RSS feed

L’almanacco di oggi …

Almanacco di Oggi!
Farmacie di Turno
Il Meteo I Programmi in TV

Scarica le guide in pdf!

Scarica la Guida in Pdf Scarica il Booklet in Pdf

HarDoctor News | Links Utili

Scegli Tu Guarda il Video su YouTube Pillola del giorno dopo Think Safe Medicina Estetica Obesità.it

HarDoctor News | Utilità

Calcola il BMI
Test di Laboratorio
Percentili di Crescita
Calcola da te la data del parto!

Leggi Blog Amico !!!

Leggi Blog Amico

HarDoctor News | Statistiche

  • 651,512 traffic rank

HarDoctor News | Advertising

Siti sito web

Le mie foto su Istagram

... arte di Sicilia ... Sciacca ... guarda il Paradiso da qui !!! ... un arcobaleno ci salverà ... ... vola sempre Alto ...che a cadere ci pensiamo dopo ... ... aspettando il Natale ... ... dimmi Luna chi sarà il nuovo Presidente dell'ARS? Auguri alla Dottoressa Cottone Sofia ... ci vuole poco per essere sereni !!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: